Note a margine n. 691

UNA CROCE

La pietosa scena della boldrinata ginocchioni del giugno 2020 a seguito dell’omicidio di un ragazzo di colore in USA si inquadrò perfettamente nella consuetudine farsesca degli interpreti che scelsero addirittura l’Aula del Parlamento per dare risalto all’insito provincialismo ipocrita e sempre più malmesso, alla disperata ricerca di accrediti nei settori degli ambienti dove ormai è d’uso la recita di copioni da strapazzo, da un lato, e l’ omissione di impegno sulle reali e concrete problematiche, dall’altro. Oggi, il silenzio e la noncuranza da parte dello stesso gruppuscolo che mandò in onda la scenetta e che adesso tace con oscena indifferenza per il caso del giovane italiano ucciso da un tizio di colore e delle aberranti motivazioni scatenanti la sua ferocia, è il prevedibile sequel di una pagliacciata da saltimbanco. Imperdonabile; ma in linea con lo stile. Da rammentare bene. Come corollario della tragica vicenda. Specialmente in cabina elettorale dove con un semplice o avventato segno di croce rischiamo di mettere in croce l’intero Paese. Buon Natale.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...