Note a margine n. 620

VIOLENZA TESTUALE

La neoministra della Pubblica Istruzione – addirittura ! – nata per cariocinesi (o mitosi che di si voglia), beccata con la cartuccella con cui, col sistema del copia incolla e omettendo virgolettati e bibliografie, ha consumato varie e proprie violenze testuali – si difende (crede di difendersi) affermando che non di ‘tesi’ si tratta ma bensì di una sua ‘relazione’ finale in coda a corsi di aggiornamenti di scuola di specializzazione all’insegnamento secondario (SSIS). E che Salvini che l’accusa è ignorante, non ha mai studiato, confonde e non capisce la differenza.  Che, nella testa della tizia, legittimerebbe il maltolto trasformandolo in usuale cibo d’asporto. Ebbene, io che ho studiato molto e molto di più della protagonista, e con profitto in cultura e in dignità, affermo che, qualunque fosse la natura dell’opera che porta la firma di costei e da lei utilizzata come fosse di sua paternità – foss’anche una lettera d’amore, lo svolgimento di un tema, un riassunto, etc. doveva essere di sua esclusiva produzione e riportare, in ogni caso, virgolettati i numerosi e abbondanti passi non suoi, corredati con tanto di precisi riferimenti bibliografici.
Lo spaccio di moneta falsa resta tale in qualunque contesto e in riferimento a qualunque scopo.
Peraltro, il senso di una “relazione” – dal latino refero – è quello di informare, aggiornare, riportare, riferire, ragguagliare e non quello di “teorizzare”, meno che mai razziando nei trattati e nei saggi altrui. Ma la malafede fa di questi scherzi, specialmente quando si combina con l’arroganza e la rabbia d’essere stati ‘colti‘ (absit iniuria verbis) con le dita nella marmellata.
Antico proverbio mongolo: “se hai messo il piede sulla merda non cercare di pulirtelo con le mani, perché peggiori le cose e te la ritrovi addosso dappertutto, compresa puzza persistente; allora allontanati, appartati e fatti dimenticare”. Al netto del facciaculismo, docenti e discenti prendano buona nota.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Note a margine n. 620

  1. gaetano vignoka ha detto:

    Un bel tacer ( ovviamente non il Tuo ) non fu mai scritto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...