Note a margine n. 605

L’AUTODIFESA E LE PAROLE CAPZIOSE

Vanno chiarite – spero una volta ancora per tutte – alcune cose che vado da sempre ripetendo, vedo inutilmente. 1) La locuzione “farsi giustizia da sé” – con riferimento alla legittima difesa – è capziosa, subdola, truffaldina, imbrogliona, costruita per approfittare della labilità o della pigrizia mentale, oltre che dei personali pregiudizi assiomatici di una ideologia allo sbando. Il “farsi giustizia da sé” indica il caso dell’ individuo che, dopo aver subito un torto, un male ingiusto, provveda direttamente a sanzionare a suo modo il criminale, a pareggiare i conti, (riprendendosi tout court il ritrovato maltolto o restituendo le mazzate ricevute) vendicarsi, insomma. La “legittima difesa”, invece, indica il caso dell’individuo che, in mancanza di un tempestivo, efficace ed efficiente intervento delle forze dell’ ordine, (che non possono essere onnipresenti) tenta come può di autoproteggere se stesso, la propria famiglia, i propri beni opponendo adeguata resistenza, passiva o attiva, per ostacolare alla men peggio la consumazione di un torto, un male ingiusto, assai spesso irrimediabile. 2) Altrettanto capzioso è il sostenere che l’intruso sia un semplice ladro,  laddove è ormai assodato che trattasi di feroci rapinatori in quanto usano la tattica della violenza preventiva su persone e cose (anche quando non serve). 3) E’ altrettanto scandalosamente ingannevole continuare a parlare di “arma”, di “sparare”, di “uccidere”; in quanto, a casa, persino un tegame di acqua bollente, una pesante padella, un ferro da stiro, un attizzatoio, un forchettone da spaghetti, un trinciante da cucina, etc., compatibilmente con le forze e e capacità di chi deve difendersi, potrebbero sortire effetti dissuasivi senza ammazzare nessuno. Altro che “far west”. Che poi, è sempre meglio di una autorizzata alternativa “strage degli innocenti”. 4) Da ultimo, occorre rammentare che la legislazione deve uscire dalla astratta teorizzazione del giusto e del non giusto, che non sono concetti assoluti e eterni; affinché questa abbia una concreta funzione è necessario che crei una legalità adeguata al contesto storico/territoriale, non trascurando le emergenze. Evolvendosi il quale, si potrà benissimo legiferare diversamente onde adeguare il rimedio a misura del male e della efficace ed efficiente prevenzione di quest’ultimo da parte dello Stato. Che, almeno per ora, appare impreparato alle novità di questa imprevedibile e feroce ondata criminale e non ci protegge abbastanza. O ci da’ persino il resto. Più o meno, nel mio piccolo.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...