Note a margine n. 553

80 GIORNI PER IL GIRO DEL MONDO

Dopo 80 giorni – che una volta bastavano a fare il giro del mondo – di una tribolata ed estenuante gestazione, pare che si siano rotte le acque. Alla gran parte degli elettori, però, si erano già rotti i coglioni, molti davano già di vomito e di matto. Mattarella – siamo al travaglio, quello serio – lo sentiamo un po’ Presidente-levatrice; speriamo che ci levi d’intorno ‘sto spettacolo al fetore di sbobba. Al bambino gli hanno già dato il nome e glielo hanno detto per la redazione dell’atto di nascita. Come dire che hanno fatto il Conte senza l’oste. Lui ha ordinato di preparare bidoni d’acqua molto calda e ha convocato il vice e il vice del vice per l’assist. Fosse mai un cesareo. A scanso di equivoci. Habemus pappam. Speriamo tutti che non sia un bidone. Ma, siamo seri: la sensazione, a pelle, come si dice, è quella. Foss’anche un bidet, non ci piacerebbe uguale. Dalla strana coppia una strana copula ed una maculata concezione. Mo’ s’aspettano l’incarico; da undici.
Non vi dico l’Europa: ansiosa e ansiogena, fa la faccia brutta e avverte: vuol fare da madrino (no, non è un refuso ma un allineamento neolessicale) e tenere lei la creatura a battesimo nella sua cappella. Con la mira di prenderla in affidamento alla luce del principio che i figli degli schiavi sono schiavi. Magari cambia il nome, ma là stiamo, più o meno.
Ma è non l’unica a tirare i piedi. C’è pure chi, d’istinto, s’augura che nasca morta la creatura. Non per cattiveria o nichilismo che si dice oggi quando si è a corto di argomenti, ma solo per risparmiare un calvario che non risparmierà nessuno; specie gli italiani a casa loro. Così parce sepulto e non ne parliamo più. E non ci riprovate. E se vi dovesse venire ancora la fregola di un’altra ingroppata di gruppo, omo/etero, prendete precauzioni o andate a puttane, a squilli se preferite. I bambini ci guardano; e non solo loro. Un altro ciambotto del genere e la prossima volta vi meniamo, tutti, mettìnguli e pigliànguli. A sangue. E non è detto che già così stando le cose, non stiate a rischio. Durerà? Qui en sabe. Certo è che sarà dura.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...