Note a margine n. 417

band

NON E’ ANCORA TROPPO TARDI

La rissa conclamata cui fa riscontro il segreto mercimonio dei pusher del voto alla borsa nera, non ci rende nemmeno per larghe approssimazioni la misura e la consistenza del nostro attuale Parlamento così lontano anni luce da quello conquistato a caro prezzo, voluto e realizzato da uomini che, in questo scosceso pendio di decadenze valoriali, disegnano ombre di giganti.
Eppure, pochi ne hanno consapevolezza; e ancora meno sono coloro che sanno leggere tra i nomi dei Padri Costituenti il timbro della sacralità che sancì e poi accompagnò negli anni quella Carta garantendole il senso del giuramento solenne lasciato nelle mani del Popolo Italiano finalmente liberato e restituito alla sua identità sovrana e religiosamente riconosciuta inviolabile.
E tra questi pochi, per quanto ci è dato di cercare, non riusciamo a ritrovare coscienze di governo che, al culmine di un’ autoesaltazione da personale onnipotenza che li induce contraffare la nostra identità e ad adulterare il corso della nostra storia, dispongano di quel necessario rispettoso riguardo dovuto al Popolo, unico erede legittimo di un patrimonio di principi, diritti e doveri inattaccabili, indisponibili.
E così accade, invece, che in una congrega raccogliticcia e neanche mai legittimata, né per nascita né per successivo riconoscimento da parte del Popolo, unico avente diritto, ma soltanto ratificata con successivo arzigogolo di comodo, oggi partiti, fazioni e correnti, con sfrontata temerarietà si stiano goffamente contendendo il diritto di appropriarsi arbitrariamente ancora una volta della volontà del Popolo, farsene interprete abusivo e sostituirlo nella scelta di rilevantissime modifiche di riforma al suo patrimonio della Costituzione Repubblicana. Che non può e non deve essere considerata un molok intoccabile, tanto che la stessa Carta prevede le possibilità delle proprie modifiche; le quali, tuttavia, quando intaccano l’ esercizio della unica sovranità che è quella popolare (e tale è l’abolizione del Senato eletto dal popolo), proprio in ossequio a tale principio, non possono seguire le consuete strategie-stratagemmi da taverna ormai tipiche delle formazioni delle leggi ordinarie spuntate su maggioranze momentanee, d’accatto, scambi di interessi mercificati. Sostanziali modifiche del Senato, Camera elettiva destinata a farsi legittima portavoce della volontà del Popolo, o addirittura la sua pratica abolizione, non può essere oggetto di bagarre da cortile, ma deve ancor più rifarsi al senso della effettiva volontà dell’ unico avente diritto: il Popolo. Ormai figlio derelitto e disconosciuto; un pezzente fatto cadere in miseria e da mettere, poi, davanti all’ineluttabile fatto compiuto.
Eppure, la sfrontatezza e la truculenza del potere sono ormai tali che i suoi maneggioni hanno addirittura coniato un termine dispregiativo per stigmatizzare a proprio favore e irridere ogni voce di denuncia di violazioni inferte al popolo: populismo. Mentre, circa otto milioni di italiani poveri, o alla soglia della totale povertà, infatti, abbandonati al loro destino, devono subire ogni giorno anche lo scherno di una manica di parassiti incapaci e di operatori nel cono d’ombra della corruzione, e la irrisione in danno di coloro che hanno il coraggio di denunciare pubblicamente il tragico fenomeno e il tradimento di quelli che distraggono indiscriminatamente enormi risorse pubbliche solamente a favore delle imprese private del business immigrazione. Malgrado i grandi scandali già accertati nei loro intrecci mafiopolitici. Ma, se altrove si tagliano le gole, qui ormai si tagliano le lingue e si conculca con rigore il pensiero. E il cuore sanguina.
Si restituisca al Popolo la sua dignità; subito. Molto presto, sarà troppo tardi.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...