Note a margine n. 261

imagesCA3BC38N

 

ABBIANO TIMORE GLI EGEMONI

Non possono seriamente farsi valere leggi uguali per tutti quando tutti non sono uguali. Ecco perché l’ Europa, se non si dissolverà per naturale implosione, crescerà e diverrà un devastante Leviatan che darà sempre più poteri ai soggetti più forti e sottometterà le libertà e le economie dei più deboli. Per quanto questi ultimi si sforzeranno di arrancare, anche a costo di vite umane (vedansi gli innumerevoli casi di fallimento e di suicidio in Italia, dove chiudono 134 aziende al giorno), mai riusciranno a tenere il passo più veloce di chi è naturalmente più dotato. Questa diversa situazione di fatto, omologata in forza di norme che non tengono presenti le differenze e create dai soggetti dotati di maggior peso politico ed economico, si protrarrà all’ infinito e consoliderà la sudditanza dei più deboli.
In democrazia uno vale uno; per questo motivo essa è possibile solo all’ interno di uno Stato, dove i soggetti sono gli individui, tutti politicamente equivalenti tra loro. La democrazia, invece, non è possibile nei contesti – come l’ Unione Europea – dove le unità politiche sono i singoli Stati, nati e dotati di sovranità, i cui pesi si differenziano in ragione delle loro risorse economiche e dal numero dei loro cittadini: elementi che creano squilibri politici di partecipazione egemone o vassalla.
Se manca – come in effetti manca – uno spirito europeista comune e sentito nel senso della coesione e della mira a far nascere un soggetto veramente nuovo e di fusione, gli Stati più forti, verticisticamente, conserveranno e imporranno la propria sovranità alla Unione a scapito degli altri che perderanno la loro e subiranno continui condizionamenti che reagiranno negativamente sulla vita dei propri cittadini. Costoro resteranno gli incisi finali di ogni sforzo, continuo e inefficace rispetto ad un allineamento che non ci potrà mai essere e che, peraltro, non è nemmeno voluto davvero dal vertice degli Stati egemoni.
In questa prospettiva, perseverare nell’ errore di una Europa piramidale e feudataria, soltanto formalmente democratica, sarà come percorrere una via senza sbocchi e senza ritorno. E poiché è noto che ogni feudatario campa sulle spalle dei sudditi, da parte di costoro occorre cominciare ad esprimere la concreta possibilità di dover rinunciare a siffatto progetto europeista. O, come uniche alternative: creare una nuova entità europea dei poveri ma liberi, o estromettere dal gioco lo stato egemone, mediante economie non ragionieristiche come le attuali impositive e volutamente strozzanti. Ad impossibilia nemo tenetur. Basterà una seria prospettazione in questi sensi ed il castello del feudatario abbasserà i ponti levatoi e, per non dover rinunciare a tutti i benefici, sarà pronto a ridurre e diversificare le pretese nei limiti di accettabilità.
La esistenza libera e dignitosa dei cittadini viene prima di ogni progetto di unioni, specie delle incestuose e adulterine come quella che stiamo subendo e non vivendo. Non possono seriamente farsi valere leggi uguali per tutti quando tutti non sono uguali. Suum cuique.
Altrimenti, non ne usciremo mai. Non aspettiamoci e non chiediamo elemosine. Impariamo ad usare i nostri problemi economici: se non come arma, almeno come scudo. Si può fare. Se sbrocca l’ Italia cade tutto come un castello di carta. Lo sanno.

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...