Note a margine n. 170

CRONACA

Ricevo da Elmiki e pubblico:

MARAMEO!

Or che condannato è Berlusconi
sentiamo l’ odore di promozioni;
vinto finalmente è il gran trofeo,
il briccone che ci fece marameo!
Sconfigge or sempre i porcelloni
la giustizia che dà le interdizioni
e la lunga galera al gran babbeo
che fe’ bunga bunga nel gineceo!
Erano spavaldi lui ed i volponi
che d’attorno stavan birbaccioni
mentre lui galoppava da romeo
e con molte donne faceva rodeo!
Ben hanno fatto le persecuzioni
ora pagherà le sue trasgressioni,
adesso sconterà la vendetta il reo
il qual inviso era ad ogni plebeo.
Massacrato lasciatelo penzoloni
star secondo le nostre tradizioni:
così si chiude questo gran torneo
evviva la giustizia da Colosseo!
Mozzategli la testa al psiconano
in nome del bue popolo sovrano!

Elmiki

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Note a margine n. 170

  1. angelo scrimieri ha detto:

    La storia si ripete! Se la ripetizione è di mussoliniana memoria non dovremmo meravigliarci più di tanto. Ha voluto troppo dalla vita ed ora si trova al cospetto del giudizio degli uomini! Ben gli stà.La vita non è nostra ma del passato e del futuro, il presente ci dice come vivere per proseguire e sperare!

  2. helena ha detto:

    Elmiki caro, oggi il saluto ti viene da un poeta del vicino ‘8oo, i cui versi esprimono la grande forza di volonta’, necessaria ad opporre resistenza a tutte le avversita’ con le quali la sorte si ostina, quasi divertendosi, ad intralciare i passi della umana gente. Li scrisse William Ernest Henley nel 1875.

    INVICTUS
    Dal profondo della notte che mi avvolge,
    Buio come un pozzo senza uscita,
    Ringrazio qualsiasi dio possa esistere
    Per la mia anima invincibile.

    Nella feroce stretta delle circostanze
    Non ho sussultato ne’ ho gridato forte
    Sotto i colpi d’ascia della sorte
    Il mio capo e’ sanguinante, ma indomito.

    Oltre questo luogo di collera e di lacrime
    Incombe il solo Orrore delle ombre
    E ancora la minaccia degli anni
    Mi trova e mi trovera’ senza paura.

    Non importa quanto stretto e’ il passaggio,
    Quanti castighi dovro’ ancora sopportare,
    Io sono il padrone del mio destino
    Io sono il capitano della mia anima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...