Note a margine n. 112

MI GIOCO I FANS

O.K. Diciamolo subito: sto incazzato nero. Non so bene da dove cominciare, come continuare né come concludere. Sarò confusionario. Scusate, ma accade anche questo quando si freme di rabbia e senso di impotenza. Arriva sempre un momento nella vita in cui cultura e buone maniere sono mandate a fanculo di brutto. Questo sarà forse il mio; mi gioco i fans.
Dite: ma che t’ è successo?!
Bene: leggetevi i redditi denunciati per il 2011 dai sigg. professori ministri del governo dei tecnici chiamato a salvare il Paese dalle malefatte di Berlusconi, paperone sì, ma che dava e dà lavoro a migliaia di famiglie. Roba che persino il Presidente della Repubblica ci fa la parte di uno straccione.
E se non siete abbastanza imbufaliti, leggetevi anche i dati dei loro patrimoni, come risultanti al momento della loro pubblicazione e non al momento della nomina a ministro come sarebbe stato giusto e serio. Infatti, badate: questo sigg. Professori che si erano impegnati a pubblicare subito i loro redditi e i loro patrimoni come risultavano essere alla data dell’ insediamento, invece ci hanno messi quasi tre mesi per farlo. Tempo oggettivamente più che sufficiente a modificare formalmente una consistenza patrimoniale e a renderla più moderata.
E chiedetevi come cazzo si fa – di questi tempi e con i lavori che questi esperti salvatori della Patria hanno svolto sino ad oggi – a guadagnare e ad accumulare tanto, senza essere né nel gota degli affermati capitani di industria né proprietario di miniere di diamanti né il re degli intrallazzatori politici. Nulla contro la ricchezza: ma mi fa specie che sia certa gente a voler pontificare e a predicare la sobrietà e ad annunciare di volerci educare ad un nuovo stile di vita più moderato!
Chissà in che mondo vivano e che cosa capiscano realmente, questi tecnici di che?, dei problemi della gente comune; o forse siamo noi che non abbiamo capito niente e siamo rimasti i peones a vita di un ceto sociale che non ci considera pidocchiosi a cui gettare un osso, ma pidocchi.
E poi. Lo avevo già accennato e ribadito più volte nelle mie precedenti note. Ma è mai possibile che in questo Paese di inetti e di imbelli nessuno si sia domandato: ma come ha potuto fare il prof. Monti, appena nominato senatore, incaricato di formare un governo di tecnici e non di politici utlraconosciutissimi, a formarne uno in pochissime ore, se prima non li avesse ben conosciuti per conto suo e già preventivamente interpellati e preparati, e se costoro, per fatti loro, già non si fossero conosciuti e sintonizzati tra loro? Che cosa accomuna questi tecnici e non altri, considerato che i nominati non sono certamente gli unici tecnici esistenti sul mercato? Quale è il loro comune denominatore che li assembla? Per alcuni di loro il denominatore può identificarsi nella “cosa bianca” di Bagnasco (v.si) e per gli altri?
Che fare allora? Considerato che non siamo stati nemmeno capaci di mandare a fanculo quelli che ci hanno propinato ore di stronzocelentanate sulla tv nazionale strapagandole con il canone-imposta corrisposto dai cittadini, come mai potremmo illuderci di ribellarci ai progettisti, ai protagonisti e relativi manutengoli delle avventure golpiste della democrazia, della sovranità popolare e delle libertà costituzionali?
Italiani che glielo lasciano fare. Svegliati, popolo alla cogliona!
Papè Satàn, papè, aleppe! Papè Satàn, papè, aleppe!

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Note a margine n. 112

  1. angelo scrimieri ha detto:

    se tutti la pensassero come te, forse, oggi avremmo un altro paese, un altro governo e forse un
    orizzonte più roseo. Il guaio è che gli italiani se ne FOTTONO – pensano solo a mangiare e a scopare dove capita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...